In India, nel 1985 è stato condotto un ampio studio, dal dott. Agarwal O.P., durato cinque anni, su 5.000 pazienti dai 35 ai 65 anni di età che soffrivano di arteriosclerosi.

In questo vecchio Studio pioneristico il dott. Agarwal O.P. monitorò l’utilizzo dell’Aloe vera su ben 5.000 soggetti, 3.167 dei quali affetti da diabete (76.6% maschi, 23.4% femmine), documentando la riduzione degli episodi di Angina pectoris (dolore toracico acuto al Cuore, da sofferenza di circolo coronarico).

Molte persone avevano anche un secondo fattore di rischio rappresentato dall’ipertensione, presente nel 43% dei soggetti (1.360 in forma lieve e 791 in forma grave).

Infine, circa la metà del campione era composto da fumatori (10 a 15 sigarette al giorno). Tutti i dati numerici relativi allo studio sono riportati nella tabella sottostante:

Glicemia a digiunoGlicemia post-prandiale
Squilibrio lieveSquilibrio marcatoSquilibrio lieveSquilibrio marcato
(110-115)(116-150)(161-250)(251-400)
64,6%35,4%63,9%36,1%

Normalizzata la glicemia nel 94.4% dei casi

l'Aloe per regolarizzare la glicemia dei diabeticiAi pazienti venivano consegnati periodicamente 100 g di succo di Aloe. Veniva poi insegnato loro come mescolare il gel di Aloe alla farina, con cui poi preparavano il pane, che consumavano sia a pranzo che a cena.

Ai pazienti fu prescritto un regime dietetico stretto mentre nessuna controindicazione venne adottata relativamente ai farmaci (antipertensivi, antidiabetici orali, digitalici, ecc.) che i partecipanti allo studio potevano assumere liberamente.A tutti i pazienti venne però proibito di assumere bevande alcoliche di qualsiasi tipo, mentre non vi era alcun divieto di continuare a fumare.

Dopo soli 3 mesi di trattamento con Aloe vera, il 94.4% dei diabetici aveva una glicemia normale, mentre solamente il 5.6% aveva ancora valori al di sopra della norma.

Ischemia quasi sparita

La cura con il pane addizionato con il succo di Aloe vera ebbe dei risultati positivi tangibili già dopo 3 mesi, che a distanza di un anno risultarono addiritura straordinari. Una prima prova si ebbe all’elettrocardiogramma effettuato durante un test da sforzo al tepeto scorrevole: prima di iniziare la cura tutti i pazienti pesentavano i segni di un ischemia (nel 56.4% era interessata la parete anterore del cuore, nel restante 43.6% la parete inferiore).

Quando però questo esame venne ripetuto, dopo un anno di cura con Aloe vera, solo in circa il 7% pesentava ancora segni d’ischemia, suddivisi più o meno allo stesso modo nei due gruppi.

Regolarizzati trigliceridi e colesterolo

Risultati altrettanto positivi si ebbero per il colesterolo totale e i trigliceridi. Questo risultato è particolarmente importante perché all’inizio dello studio tutti pazienti di questo gruppo presentavano valori aumentati di colesterolo totale e di trigliceridi:

Andamento del profilo lipidico dopo terapia con Aloe vera

Colesterolo totaleIpercolesterolemia
Valori iniziali Totale 5000 pazientiLieveModerataMarcata
100%1912 (38,2%)2258 (45.1%)830 (16.6%)
Dopo 3 mesi di terapiaPresentavano dei valori ancora altiPresentavano dei valori ancora altiPresentavano dei valori ancora alti
5000 pazienti 100%143 (2,9%)171 (3,4%)34 (0.7%)
TrigliceridiIpertrigliceridemia
Valori iniziali Totale 5000 pazientiLieveModerataMarcata
100%1824 (36,5%)2416 (48,3%)760 (15,2%)
Dopo 3 mesi di terapiaPresentavano dei valori ancora altiPresentavano dei valori ancora altiPresentavano dei valori ancora alti
5000 pazienti 100%191 (3,8%)81 (1,6%)76 (1,5%)

Dopo tre mesi di terapia circa il 93% dei pazienti mostravano dei valori del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue notevolmente ridotti e rientrati nei limiti della norma.

In pratica, la cura con l’Aloe vera aveva eliminato quasi del tutto il principale squilibrio che esponeva questi pazienti al rischio di un infarto o un altro evento cardiovascolare.

In 4.642 casi su 5.000 fu possibile diminuire i valori del colesterolo cattivo (LDL) che causano il restringimento delle arterie, aumentando al contempo i valori del colesterolo buono (HDL) che al contrario è un protettore delle arterie.

aloe regolarizza i livelli del colesteroloInoltre, con la riduzione dei livelli di colesterolo nella grande maggioranza dei pazienti sono cessati gli attacchi di Angina pectoris (dolore toracico) dovuti all’ischemia cardiaca.
Riguardo ai meccanismi con cui l’Aloe vera ottiene quest’effetto positivo sul colesterolo, sui trigliceridi e sulla glicemia, i ricercatori non hanno risposte certe, ma avanzano l’ipotesi che l’azione curativa dell’Aloe vera sia legata all’alto contenuto di fibre che caratterizza i derivati di questa pianta,che aiuterebbe il nostro organismo a eliminare i grassi e gli zuccheri in eccesso.

Il Dott. O.P. Agarwal, nelle conclusioni del suo lavoro sottolinea con forza un dato: lo studio in questione è la più estesa ricerca che sia stata mai condotta sulle capacità terapeutiche dell’Aloe vera.

Tutti i 5.000 partecipanti si sono presentati regolarmente ai controlli per 5 anni, e nessuno di essi è deceduto. Uno degli aspetti più interessanti è il fatto che nessun effetto collaterale negativo è stato notato.

La ricerca dimostra inequivocabilmente come l’Aloe vera possa essere usata con effetti positivi nelle cardiopatie di origine ateriosclerotica. E che i maggiori vantaggi da questa terapia li hanno tratti i malati di cuore che avevano anche problemi di diabete.

Dove acquistare il succo di Aloe Vera?

Per i diabetici e in generale per le persone che non vogliono assumere la classica ricetta di Padre Romano Zago, ovvero quella che oltre alle foglie di Aloe Arborescens, contiene anche miele e grappa, è possibile acquistare anche prodotti contenenti solo il puro succo di Aloe.

In commercio esistono una varietà di prodotti impressionati, molti di dubbia provenienza, la maggior parte contenenti un gran numero di conservanti come l’acido citrico, il sorbato di potassio e il benzoato di sodio, giusto per citare i più comuni. Sostanze che non fanno certamente bene alla salute.

Fortunatamente esistono anche realtà agricole Italiane che producono un succo di Aloe fresco, biologico e senza conservanti. Tra questi consiglio l’Azienda Agricola di Silvano Vallesi, che coltiva le proprie piante di Aloe Vera in Italia, a Monte San Giusto (MC), in aperta campagna, lontano da fonti di inquinamento.

L’azienda, oltre al classico preparato di Padre Romano Zago (con miele e grappa), realizza su richiesta il succo di Aloe Vera concentrato, a cui non viene aggiunto alcun conservante.

aloe vera succo diabete

Succo di Aloe Vera

  • Succo e polpa di Aloe Vera
  • Senza conservanti
  • Prodotto 100% Italiano

SCOPRI

[O.P. Agarwal, Prevention of Atheromatous Heart Disease, Angiology, The Journal of Vascular Diseases.
Antidiabetic activity of Aloe: preliminary clinical and experimental observation. Horm. Res., Vol. 24, no 4, pp. 288-294.]

Fonte:

Potrebbe interessarti

Aloe e AIDS: un aiuto concreto Negli ultimi anni sono stati numerosi gli studi per trovare una soluzione a uno dei peggiori mali del nostro secolo: l'AIDS.Negli Stati Uniti e nel Canada, alcuni gruppi di ricercatori, hanno scop...
Aloe-emodina efficace contro il cancro. Le ricerche della dott.ss... Importantissimo studio condotto a Padova, nell'anno 2000, sullo sviluppo di nuovi farmaci antitumorali.Il gruppo di ricerca, coordinato dalla dott.ssa Teresa Pecere al Dipartimento di Medicina Mol...
Studi scientifici confermano le proprietà dell’Aloe Arbores... Nel sito dedicato alla dieta del gruppo sanguigno del dottor Piero Mozzi, medico che utilizza l'alimentazione come forma di cura e prevenzione di molti tipi di malattie, ho trovato un interessante art...